Accordo quadro per costruire un patrimonio culturale e scientifico identitario per il territorio

pubblicato 2019/05/21 14:04:00 GMT+2,
Tra la Città Metropolitana ed il “Dipartimento ArTe” della facoltà di Architettura dell’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria

La Città Metropolitana ed il “Dipartimento ArTe” della facoltà di Architettura dell’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria hanno firmato un accordo quadro  per elaborare, a costo zero, «una strategia comune che capitalizzi e implementi, senza soluzione di continuità ed in un sistema dinamico e aperto, le specifiche funzioni nel costruire un patrimonio culturale e scientifico identitarie per il territorio».

Questa mattina, presso la sala riunioni del dipartimento universitario, il sindaco metropolitano Giuseppe Falcomatà ed il dirigente del Settore 5-Istruzione e formazione professionale, Francesco Macheda, hanno apposto la firma sull’atto d’intesa insieme al Direttore del dipartimento, Adolfo Santini, alla coordinatrice del corso di laurea, Rita Simone, ed alla delegata alla Ricerca e Terza Missione, Consuelo Nava.

«La collaborazione fra le istituzioni – ha detto Giuseppe Falcomatà – rappresenta un arricchimento ed un momento di crescita fondamentale per l’intero territorio. La sinergia che si concretizza questa mattina è il simbolo concreto di come due realtà strategicamente determinanti si mettono al servizio del comprensorio per lo sviluppo ed il bene della comunità».

Il documento, composto da sei articoli, fra i suoi obiettivi prevede «la valorizzazione delle risorse culturali e scientifiche del Dipartimento e della Metrocity» che verranno messe a disposizione del territorio metropolitano, dei cittadini e delle strutture dell’Ente nei settori di interesse. La collaborazione fra i due Enti, quindi, porterà all’individuazione di linea strategiche che confluiranno in politiche di scambio, co-progettazione e co-realizzazione per la Formazione didattica e la divulgazione del sapere e per gli ambiti di Formazione e ricerca, Terza Missione. Ci sarà l’accompagnamento all’orientamento, in cui il Dipartimento dArte ed il Settore 5 di Palazzo Alvaro accompagneranno la comunità di giovani nel passaggio dalla scuola all’Università, ma anche lo sviluppo dell’offerta di collaborazione e di enti formativi a favore della divulgazione del sapere o la promozione di politiche di interculturalità attraverso scambi a livello Europeo.

Previsti, dunque, laboratori civici, laboratori di laurea, Master, specializzazioni che «promuovano lo sviluppo delle competenze al fine di scambiare conoscenza e culture differenti come valori che favoriscano uno sviluppo sociale ed economico dei territorio».

L’accordo, che ha una durata di tre anni, non comporta alcun impegno di spesa a carico dei due Enti ed eventuali risorse finanziarie dovranno «preventivamente fare riferimento alle rispettive normative contabili di specie dell’Università e della Metrocity e alla previa copertura finanziaria si sensi di legge».

Tali risorse, eventualmente con il concorso di terze parti, «potranno anche riguardare il finanziamento di borse di dottorato e assegni di ricerca».

torna all'inizio del contenuto