Ponte Culturale tra Calabria e Romania

pubblicato 2018/04/30 10:34:00 GMT+2,
Il Consigliere Antonino Castorina incontra l'Ambasciatore d'Italia a Bucarest.

Visita studio da parte delle associazioni Universitarie Leonardo e Primavera Calabria a Bucarest all`interno del progetto “Scopriamo l'Europa” che porta già da diversi anni i due sodalizi studenteschi a visitare le più importanti capitali Europee.
La scelta per il 2018 è ricaduta sulla Romania per le affinità relative alla cultura ed alla lingua latina.

Nella capitale, su impulso delle associazioni, si è svolto un importante incontro istituzionale tra l'Ambasciatore d'Italia a Bucarest Marco Giungi ed i vertici delle associazioni alla presenza, altresì, del Consigliere Metropolitano di Reggio Calabria delegato alle Politiche Comunitarie e Giovanili ed al Bilancio Antonino Castorina e gli esponenti di Anci Giovani Calabria Francesco Laganà, Katia Tripodo ed Alessandra Serra.
La rappresentativa di Reggio Calabria ha omaggiato l'Ambasciatore di un libro descrittivo della regione Calabria recapitato direttamente a Bucarest dal Presidente del Consiglio Regionale della Calabria Nicola Irto.
Durante l'incontro sono stati chiariti ed esplicitati i vari rapporti di collaborazione tra Italia e Romania e le importanti presenze in Calabria di cittadini rumeni.


Si apre nei fatti un ponte culturale tra due realtà territoriali molti affini per cultura, interessi e prospettive partendo proprio dalla fiducia che tanto l'Italia quanto la Romania hanno per l'Unione Europea.
Le associazioni studentesche insieme ai rappresentanti istituzionali presenti hanno poi incontrato presso la sede del Parlamento il deputato Gabriel Petrea per discutere di attività che possono coinvolgere l'Italia ed in particolare modo la regione Calabria.
Dall'Ambasciatore d'Italia a Bucarest, afferma Castorina, la descrizione plastica di un Paese, l'Italia, che è protagonista anche all'estero e che ha in loco interlocutori attenti e credibili, nell'auspicio di rafforzare l'idea di una cittadinanza Europea attraverso un confronto sempre aperto e a vario livello in tutti i Paesi membri dell'Unione Europea.

torna all'inizio del contenuto